Translate

giovedì 8 novembre 2012

Primi passi 2


Scegliere un insegnante

Dopo aver scelto il proprio percorso (e i propositi con i quali iniziarlo) vediamo in base a quali criteri scegliere il proprio insegnante di canto.
Che appartenga esso ad un circuito più ampio come un'associazione oppure che sia un insegnante privato il modo in cui porsi non cambia.

Consiglio prima di tutto di informarsi tramite internet, cerchiamo la scuola o l'insegnante che ci interessa e cerchiamo una sua biografia, curriculum, siti internet, formazione accademica, progetti artistici ecc... Insomma ogni cosa che ci possa dare un'idea generale di come possa intendere il mondo del canto e come possa trasmettere le proprie conoscenze.
Non facciamo l'errore di basarci solo ed unicamente sul curriculum! La formazione è importante come pure i successi lavorativi ma la cosa principale di un insegnante è la predisposizione all'insegnamento! Infatti bisogna capire che fare il cantante è un LAVORO completamente diverso da quello dell'insegnante di canto, questo non significa che le due cose non possano mai andare assieme ma significa che non è scontato! Pensiamo per esempio alle persone naturalmente molto dotate nel canto, come possono trasmettere insegnamenti che loro per primi non hanno applicato non avendo mai avuto quei problemi vocali da superare grazie alla dote naturale? Anche questo ovviamente non è una legge ma se pensiamo che spesso i grandi campioni non risultano buoni allenatori... 
Forse la caratteristica fondamentale da notare in un insegnante è la curiosità verso la materia che insegna. Più è appassionato e curioso e più riuscirà a portare avanti i propri allievi superando le loro difficoltà da diversi punti di vista cucendo addosso a loro dei vestiti didattici diversi in base alle esigenze di ognuno.

Per capire questo però dovete pretendere di avere un colloquio faccia a faccia. 
Quando lo otterrete preparatevi delle domande scritte da fargli il più possibile concrete, per esempio: come organizzi la lezione? Che argomenti si affrontano inizialmente? Usi un metodo particolare? Quanto dura la lezione e ogni quanto? Cosa devo portare a lezione? C'è la possibilità di registrarla? Come posso far interagire il canto con il mio strumento complementare durante l'anno? I brani da cantare gli scegli tu o io e perché? Che percorso mi posso aspettare il primo anno? Dai la possibilità di cantare con dei saggi? ecc ecc...
Non siate timidi perché un insegnante può essere la vostra fortuna o la vostra rovina, è una guida e come ogni guida se non è in grado di accompagnarci lungo la strada lunga e tortuosa del canto e di farcelo fare con gioia e divertimento finiremo noi stessi con l'odiare questa materia.
Infatti la gioia nel cantare non va mai persa neanche durante lo studio delle cose più tecniche, se questo accade significa che c'è qualcosa che non va! Spesso la colpa è dell'insegnante che non ci stimola nella maniera appropriata quindi siate accorti anche nel capire non solo l'insegnante ma anche la persona con la quale avrete a che fare: come si presenta? Seriosa? Allegra? Vi fa sentire a vostro agio? Il maestro di canto dovrà diventare un vostro confidente perché la musica è un'arte che risveglia le emozioni e il più grande errore che un insegnante può fare è tenerle fuori dall'aula.

Ricapitolando le cose su cui è realmente importante farsi un'idea al primo colloquio con l'insegnante sono:
- Formazione
- Metodo di insegnamento
- Visione artistica del canto
- Tipo di persona

Infine se possibile cercate di ottenere una lezione di prova gratuita, molte scuole oggi le concedono e parlate con più di un insegnante, solo tramite il confronto potrete capire quale sia il più adatto a voi!
Buona ricerca.

continua...





Nessun commento:

Posta un commento